ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
giovedì 18 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Fine del Ramadan con polemica al Pianacci di Prà

Genova – Iniziativa di incontro culturale con coda di polemiche. Un aperitivo per festeggiare la fine del Ramadan al circolo Pianacci del Cep di Prà ma rigorosamente senza alcolici e salumi, banditi (e qui nasce la polemica) dall'intero circolo.
L'occasione di incontro e di festa, che si terrà domenica 11 agosto, a partire dalle 16, in occasione della fine del Ramadan, periodo di digiuno sacro per i musulmani, ha scatenato polemiche tra chi pensa che bandire alcolici e salumi sia una “concessione al fanatismo” che non aiuta di certo il dialogo.
Una convivenza significa rispetto reciproco per usi e costumi e non certo una rinuncia di una delle due parti.
“Il messaggio che passa – spiegano i “contestatori”, non contrari alla festa – è che in presenza di musulmani non ci devono essere alcolici e carne di maiale. Se domani qualche fanatico dicesse che questa deve essere la “normalità” noi cosa faremmo?”.
Il dibattito è molto interessante e divide gli abitanti della zona, molto sensibili all'argomento e sempre più spesso coinvolti con successo nelle inziative “multiculturali”.
“Pensiamo che nessun musulmano si sarebbe offeso nel vedere che non musulmani possono acquistare e consumare alcolici e carne di maiale – dicono ancora al Cep – semplicemente eviterebbero di consumarne loro. Non è questa la libertà che tutti auspichiamo?”.
Appuntamento quindi l'11 agosto, dalle ore 17 alle ore 20,30, presso il Circolo Pianacci, al Cep di Genova Prà, per la festa/aperitivo per festeggiare la fine del Ramadan con le molte persone del quartiere che hanno digiunato per un mese e per chi vuole festeggiare insieme a loro.
Saranno allestiti alcuni tavoli, con il rinfresco offerto, lato mare, con la vista sul ponente della riviera ligure, e ovviamente con la possibilità di usare tutta l’area del Pianacci, parco, spazi di socialità, impianti pubblici aperta come sempre per tutti.
Una iniziativa che non vuole essere un evento “gigantesco” ma un ritrovarsi insieme con le famiglie e le persone del quartiere e della città.
“Forse l’iniziativa potrà sembrare innovativa essendo una realtà “non del mondo islamico” e “non religiosa” che propone un festeggiamento per il Ramadan” – dice Enrico Testino del Direttivo del Circolo Pianacci – “ma in realtà è una iniziativa molto normale che è stata accolta con piacere dalle persone di fede islamica residente nel quartiere.”
Il Ramadan quest’anno è iniziato in due giornate diverse poiché qualche persona ha seguito il calendario “europeo” e altri un altro calendario di riferimento del mondo arabo. I giorni di fine del Ramadan quindi sono il 9 e il 10 agosto. L’11 agosto è quindi la prima giornata utile per proporre un piccolo festeggiamento di giorno.
Il ramadan quest’anno, durato un mese, ha colto i fedeli nei mesi più caldi e i praticanti non mangiavano né bevevano dalle 3,30 di mattino, circa, fino alle 21 circa di sera.
L’organizzazione della giornata e famigliare viene quindi cambiata e la notte diventa per molti un momento da condividere con la famiglia e, per buona parte, di veglia.